(Calcio) Roma-Chelsea: una notte magica per rinascere.

(Calcio) Roma-Chelsea: una notte magica per rinascere

as roma calcio stagione 2008 2009 chelsea goal

 

Una Roma strepitosa.

Una serata fantastica per la squadra e per i tifosi giallorossi che, all’uscita dallo stadio sembrano improvvisamente aver dimenticato le crisi e le contestazioni dei giorni precedenti.

Per rinascere la Roma ha scelto la squadra più difficile da battere, forse la maggiore candidata alla conquista della Champions, il simbolo del calcio che conta.

La Roma ha sgretolato il Chelsea di Scolari con tre reti, due delle quali firmate da Mirko Vucinic, giocatore di classe sopraffina che aveva solamente bisogno di essere spronato. I tifosi anche stasera non hanno mancato all’appello,in circa quarantamila a sostenere i colori che amano, quelli della loro squadra reduce da numerose sconfitte consecutive tra campionato e coppa.

Contestazioni e cori di lamentele hanno fatto da colonna sonora alle giornate di allenamento a Trigoria.

Dopo la sconfitta con la Juventus si parlava di crisi;la Roma sembrava aver dimenticato come si giocasse a pallone, la stessa squadra che con il suo gioco fatto di tocchi di prima,movimenti incessanti, pressing continuo aveva incantato l’Italia e l’Europa.

Quell’Europa che ieri ha ammirato la grinta,la voglia di combattere su ogni pallone di una squadra che ha risposto a pieno alle richieste dei tifosi .

Proprio la curva si è dimostrata subito disponibile a dimenticare le disfatte recenti ed a riprendere ad amare i loro beniamini. Bastava una dimostrazione di amore per questa maglia. Ed i giocatori lo hanno fatto in pieno.

Il goal di John Terry non è bastato a guastare una notte magica per una Roma che non accetta un ruolo di comprimaria in questa competizione europea.

Competizione che vede giocare la finale proprio qui. E questo i tifosi lo sanno. I giocatori anche. E nessuno di loro vuole lasciarsi scappare quest’occasione, per vivere un’altra notte da campioni.

 

Articolo a cura di Federica Petriaggi

Be Sociable, Share!

Leave a Reply